<< return

 

 

uomini_e_p
 

Uomini e profeti - Trasmissione radiofonica Radio3 Rai

un programma di Gabriella Caramore

a cura di Paola Tagliolini

in redazione e in regia Paola Borghi

consulenza musicale Cristiana Munzi

 

Uomini e Profeti è una trasmissione che si muove sulla linea di confine tra le fedi religiose e la complessità del mondo in trasformazione. Nata nel 1982, con l’obiettivo di interrogare i grandi temi, i testi, le esperienze e le storie delle tradizioni spirituali di tutti i tempi, dal 1993 si è data una doppia articolazione: da un lato le questioni più pressanti e talvolta più drammatiche che si intersecano con gli orizzonti del religioso (il sabato con “Fedi e Mondo”); dall’altro una riflessione analitica e critica sulle Scritture fondative delle diverse tradizioni, da quest’anno dedicata in particolare alla conoscenza del testo biblico (domenica con “Leggere la Bibbia”).
Uomini e profeti  - che dal 1993 è ideato e condotto da Gabriella Caramore - vuole essere un luogo di libertà e di confronto, un esercizio della parola, dell’ascolto e dell’incontro.

(fonte:http://www.radio3.rai.it)

 

Puntate con la partecipazione di Moni Ovadia:

24/11/2007 - Domande ‘Strumenti: grammatica yiddish e pensieri animali’.
Parlato in Europa orientale da dodici milioni di persone prima della seconda guerra mondiale, dopo lo sterminio degli ebrei lo yiddish è scomparso dall’Europa. Non è più la lingua di un popolo, ma ancora oggi gli ebrei ultraortodossi di New York e Gerusalemme parlano lo yiddish come prima lingua. In occasione della pubblicazione, per la casa editrice Giuntina, di un corso di introduzione alla lingua e alla letteratura Yiddish, intervengono in questa puntata Marisa Ines Romano, curatrice dell’edizione italiana del libro e l’attore e regista Moni Ovadia , che alla cultura yiddish ha dedicato molti dei suoi lavori teatrali e letterari.

 

09/03/2008 - Letture ‘Difendere Dio’ con Moni Ovadia. 1a puntata. ‘Un centesimo di secondo’ (in replica 23/08/2008)
Uomo di teatro, cantore, ironico narratore di storie ebraiche, Moni Ovadia, sta rivelando sempre più, nel tempo, quello che è il carattere ebraico per eccellenza, e cioè una vera e propria passione teologica, attraverso uno studio sempre più intenso e approfondito delle Scritture e una sua personalissima rielaborazione dei testi sacri. Ma questo processo porta a una interrogazione sempre più radicale su ciò che caratterizza la dimensione religiosa: una esperienza della creatura umana in relazione alla misteriosa Parola di Dio o una serie di convinzioni che finiscono per negare, idolatricamente, l’essenza stessa di Dio? Per questo a Uomini Profeti, Moni Ovadia - in dialogo con Gabriella Caramore e con alcuni esponenti di diverse religioni e tradizioni di pensiero - si chiede se non sia il caso, oggi, di “difendere Dio” dalle ortodossie, dai dogmi, dalle idolatrie che in questo tempo sembrano talvolta anche oscurare le parole delle fedi. Nella prima puntata anche interviene Haim Baharier, considerato tra i principali studiosi di ermeneutica biblica e di pensiero ebraico.

 

16/03/2008 - Letture ‘Difendere Dio’ con Moni Ovadia. 2a puntata ‘Perché così fa Dio’· (in replica 24-08-2008)
Moni  Ovadia, nel secondo incontro di questa serie, riflette ancora sulla dimensione religiosa e sull’essenza del monoteismo: credo che la spiritualità sia lo spazio-tempo in cui i credenti, i dubitanti e non credenti possono incontrarsi, intendo la spiritualità come ricerca delle libertà interiore. E non c’è vera libertà se alla libertà sociale non si coniuga quella interiore e solo una vera libertà interiore garantisce la libertà sociale, il rispetto dell’altro .
Interviene in questa puntata anche il maestro sufi Gabriele Mandel.

 

30/03/2008 - Letture ‘Difendere Dio’ con Moni Ovadia. 3a puntata ‘Colui che riderà’  (in replica  30-08-2008)

Riprendiamo il nostro percorso con l’uomo di teatro e poeta, Moni Ovadia, animato da un desiderio di conoscenza che passa attraverso le Sacre Scritture. In questa puntata, nella quale interviene anche Monsignor Bruno Forte, viene analizzato l’umorismo nella tradizione ebraica e cristiana: uno strumento che non ha il solo scopo di far ridere, ma che ha la capacità di sconfiggere le tenebre dell’intolleranza, dell’odio e
del pregiudizio

 

06/04/2008 - Letture ‘Difendere Dio’ con Moni Ovadia. 4a e ultima puntata.

‘Perchè è stato creato l’ateismo?’ (in replica 31-08-2008)
Monoteismo e ateismo: quale può essere il terreno d’incontro, quali i valori comuni? L’ateismo come modalità di pensiero che non necessariamente porta con sé valori di sterilità spirituale. Le istanze della laicità, lo smascheramanto di tutte le idolatrie. Ne parliamo in questa puntata con Moni Ovadia e con Paolo Flores d’Arcais, direttore della rivista MicroMega.

 

18/04/2009 - Radio Tre Infestival
‘Anche voi siete stati stranieri’ - Incontro con Moni Ovadia - in onda dalle 10 alle 10.45 in diretta dal Magazzino del sale di Cervia nell’ambito di Radio Tre Infestival - Incontro con Moni Ovadia

Gabriella Caramore a colloquio con il grande uomo di teatro in una personale lettura e rielaborazione delle scritture, lontano dai dogmi e dalle idolatrie. Una riflessione sull’ospitalità nella tradizione ebraica, cristiana e musulmana, e sulla condizione dello straniero oggi, nella nostra società

 

Speciale “Torino Spiritualità “ - Esodo. Il dono della libertà
con Moni Ovadia - domenica 26 settembre 2010

A “Torino Spiritualità”, nell’ambito del tema di fondo di quest’anno, la “gratuità “, ci interroghiamo oggi con Moni Ovadia, prezioso collaboratore della nostra trasmissione, sulla presenza di questa dimensione nella Bibbia. Quale gratuità ci insegna la Bibbia? E’ Dio il primo a muoversi “gratuitamente” verso la creatura, o  pretende qualcosa in cambio? Nel Libro dell’Esodo,  che stiamo leggendo in queste settimane , Dio dona al popolo la libertà e la Torà. Per farne quale uso?
In diretta dal Teatro Carignano di Torino.

   
facebook © 2011 OYLEM GOYLEM ALL RIGHTS RESERVED  |   P.IVA 13071690153   |   cookies policy

By using this site you agree to the placement of cookies on your computer in accordance with the terms of this policy